Ricerca Campagna di Libia 1913-1930

Cerca in tutti i campi:
86 risultati       Pagina 1 di 4                    - successiva

GeneralitàGradoConflitto / campagnaCadutoDecorato
Acerbis Giovanni Battista
, residente a (Bergamo)
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
caduto il 15 novembre 1913 e sepolto a Bari nel Sacrario Militare Caduti d'Oltremare

Riferimento: Ministero della Difesa: Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra (Onorcaduti) - Roma

Alessio Luigi
nato nel 1892 a Dalmine, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato dell'82^ Reggimento Fanteria, disperso in combattimento in Libia il 19 maggio 1915

Riferimento: http//www.14-18.it

Algarotti Guglielmo
nato a Grumello del Monte, ivi residente
Sergente MaggioreCampagna di Libia 1913-1930
sottufficiale pilota dell'Aviazione della Tripolitania, decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare per il periodo aprile 1924-febbraio 1925

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimento: Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale

Amboni Giovanni
di Agostino, nato il 19 agosto 1888 a Spirano, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato del 1^ Reggimento Granatieri - morto il 5 novembre 1918 in Libia per malattia

Riferimento: Edizione elettronica curata dalla Regione Lombardia relativa a: Militari Caduti nella Guerra Nazionale 1915-1918 - Albo d'Oro - Ed. Ministero della Guerra, Vol. XI^, 1932

Aresi Emilio
nato il 24 maggio 1908 a Treviglio, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930 - Seconda Guerra Mondiale 1940-1945
in Libia soldato della squadriglia automezzi armati - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare a Bir Gibui, 28 maggio 1928 - nella seconda guerra mondiale prigioniero non cooperante delle truppe inglesi, morto di stenti il 15 maggio 1946 nel Campo n. 362 di Thika (Kenya), sepolto nella chiesa ossario del cimitero di Nyeri

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ Conti Arturo - Albo Caduti e Dispersi della Repubblica Sociale Italiana - Ed. 2018
  ˙ Ministero della Difesa: Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra (Onorcaduti) - Roma

Aschedamini Alessandro Francesco
di Giovanni, nato il 4 febbraio 1892 a Fara Gera d'Adda, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato del 16^ Reggimento Fanteria - morto l'11 ottobre 1916 in Libia per malattia

Riferimento: Edizione elettronica curata dalla Regione Lombardia relativa a: Militari Caduti nella Guerra Nazionale 1915-1918 - Albo d'Oro - Ed. Ministero della Guerra, Vol. XI^, 1932

Bani Achille
di Luigi e di Panzera Maria, nato il 13 dicembre 1892 a Casirate d'Adda, ivi residente
Caporal MaggioreCampagna di Libia 1913-1930
graduato della 1^ Compagnia fanteria montata, matr. 68057 - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare a Gaduaria, 11 febbraio 1915, dove venne gravemente ferito

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale

Barnabò Pietro
di Daniele, nato l'11 febbraio 1892 a Pumenengo, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato dell'82^ Reggimento Fanteria - disperso il 19 giugno 1915 in Libia in combattimento

Riferimento: Edizione elettronica curata dalla Regione Lombardia relativa a: Militari Caduti nella Guerra Nazionale 1915-1918 - Albo d'Oro - Ed. Ministero della Guerra, Vol. XI^, 1932

Bellini Luigi Giovanni
di Domenico e di Quarti Giuseppina, nato il 25 luglio 1892 a Romano di Lombardia, ivi residente
SoldatoGuerra italo-turca 1911-1912 - Campagna di Libia 1913-1930
chiamato alle armi il 9 settembre 1912 ed assegnato al 39^ Reggimento Fanteria - questo reparto si imbarcò a Napoli il 13 dicembre 1912 diretto in Tripolitania - dopo lo sbarco e pur rimanendo inquadrato nel 39^ Fanteria, Luigi fu assegnato alla 9^ Compagnia di Sanità presso l’Ospedale militare di Tobruch - la sua permanenza in Libia fu lunghissima (quasi 7 anni) durante la quale fu spesso coinvolto nei continui attacchi di guerriglia causati dai turchi ribelli e della locale popolazione araba - una notizia curiosa: sul suo foglio matricolare si legge che riportò una tumefazione al piede mentre distribuiva foraggio alle mucche del reparto di Tobruch (2.3.1917) - tutti gli anni passati nel Nord Africa gli vennero riconosciuti come campagne di guerra e, in aggiunta, fu nominato Cavaliere di Vittorio Veneto con l’ottenimento della cittadinanza onoraria di quel Comune

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018
Riferimento iconografico: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Benini Evaristo Carlo
di Giovanni e di Bertoli Maria, nato il 4 novembre 1899 a Romano di Lombardia, ivi residente
Caporal MaggiorePrima Guerra Mondiale 1915-1918 - Campagna di Libia 1913-1930
dopo la chiamata alle armi dell’11 giugno 1917 fu arruolato nell’89^ Reggimento Fanteria dove rimase solo due giorni in quanto venne trasferito al 65^ Fanteria che necessitava di numerosi uomini di rincalzo - nel periodo tra giugno e dicembre il reparto partecipò dapprima all’11^ battaglia dell’Isonzo e poi all’offensiva nel settore di Flondar, conclusasi tragicamente per il 65^ che, praticamente, venne sopraffatto e quasi distrutto dalle ingenti truppe austro-tedesche - dopo l’invio a riposo i militari superstiti vennero destinati ad altri reparti e così fu anche per Evaristo, trasferito al 38^ Fanteria - durante la grande offensiva del Piave del 1918 (15-24 giugno) si trovava sul versante di Zenson quando venne circondato dagli austriaci insieme alla sua squadra e catturato (17 giugno) - rinchiuso nel campo di prigionia di Mauthausen, in Austria, venne rimpatriato l’11 novembre 1918 - nel 1919 fu inviato in Cirenaica per le attività di presidio delle postazioni costiere italiane e vi rimase fino al 1921, quando venne posto in congedo il 22 febbraio - ottenne la Croce al merito di guerra, l’onorificenza di Cavaliere di Vittorio Veneto ed anche la cittadinanza onoraria di quella città

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018
Riferimento iconografico: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Berardi Agostino Carlo
di Alfonso e di Facchinetti Maria Pasqua, nato il 2 maggio 1891 a Romano di Lombardia, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930 - Prima Guerra Mondiale 1915-1918
chiamato alle armi il 25 ottobre 1911, venne arruolato nel 33^ Reggimento Fanteria - il 10 giugno 1913 fu trasferito al 16^ Fanteria, mobilitato per le operazioni in Tripolitania e, sei giorni dopo, si imbarcò a Gaeta per la Libia - la sua permanenza in territorio libico durò alcuni mesi e fu rimpatriato per congedo l’11 novembre e, dopo lo sbarco a Napoli, venne inviato a casa - nell’archivio storico comunale è stata recuperata una lettera del 39^ Reggimento Fanteria nella quale il comando di reparto chiede al Comune di Romano la conferma della residenza del militare al fine di potergli inviare il brevetto con medaglia commemorativa per la partecipazione alla Campagna di guerra Libica - il 39^ Fanteria non risulta tra i reparti che parteciparono a tale campagna, per cui la sua appartenenza a tale reparto deve essere stata successiva al suo rimpatrio dopo la fine ufficiale delle ostilità - nella pubblicazione parrocchiale Cronicon, Agostino figura tra i richiamati nella I^ Guerra Mondiale nel 39^ Reggimento Fanteria, ma in realtà fu arruolato nel 42^ Fanteria con decorrenza 7 maggio 1915 e giunse al fronte il giorno precedente (23 maggio) all’entrata ufficiale in guerra dell’Italia - l’11 gennaio 1916 Agostino venne trasferito al 205^ Fanteria della Brigata Lambro la quale, poco prima dell’offensiva austriaca nel Trentino, venne dislocata nel settore di Asiago - divampata l’offensiva nemica, il reparto si batté accanitamente per arrestare l’invasore a Porta Manazzo, a Cime Portule ed a Castelletto - il 21 maggio tutta la squadra di Agostino venne circondata dagli austriaci e costretta alla resa - avviato in un campo di prigionia in località sconosciuta, fu liberato il 10 novembre 1918 - la sua collocazione in congedo avvenne il 4 settembre 1919 ed il Ministero della Guerra gli conferì la Croce al merito con apposito brevetto

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018
Riferimento iconografico: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Bergamo Ippolito
di Battista e di Bergamo Giuseppina, nato il 28 gennaio 1904 a Romano di Lombardia, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
chiamato alle armi il 23 aprile 1924, venne arruolato nel Gruppo Genio, destinato in Tripolitania - questo territorio, la cui dominazione italiana dopo la guerra italo-turca era piuttosto precaria, venne in pratica “riconquistato“ nel 1922 con lo sbarco a Misurata Marittima di un reparto misto composto da carabinieri, zaptié ed eritrei - nel periodo in cui sitrovava in Tripolitania il dominio italiano fu esteso praticamente su tutta la regione, comprese le regioni semidesertiche dell’interno - la compagnia del Genio Specialisti cui apparteneva rimase in territorio libico fino al 17 ottobre 1925, quando venne rimpatriata a Siracusa - il successivo 20 ottobre Ippolito venne collocato in congedo

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018
Riferimento iconografico: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Bernardi Giovanni
nato a Gandino, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
morto l'8 giugno 1918 per malattia contratta in servizio in Libia

Riferimento: http//www.14-18.it

Berti Adolfo
nato nel 1898 a Treviglio, residente a Cortona (AR)
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato osservatore d'aereo - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare, Cielo della Ghibla, 12 luglio-3 agosto 1928 - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, Cielo della Tripolitania, 28-29 gennaio 1929 - decorato di Croce al Valor Militare, Tripolitania, 1 giugno 1929-28 febbraio 1930 - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, Cielo di Kufra, settembre 1930-febbraio 1931

Decorazioni:
      Croce al valor militaremotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale

Bertulessi Luigi
nato a Stezzano, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato del 21^ Reggimento Fanteria, 11^ Compagnia, caduto in combattimento sul Monte Cirene, in Cirenaica, il 13 settembre 1913

Riferimento: http//www.14-18.it

Bezzi Luigi Giovanni
di Francesco e di Frigé Celesta, nato il 5 settembre 1892 a Covo, residente a Romano di Lombardia
SoldatoGuerra italo-turca 1911-1912 - Campagna di Libia 1913-1930
chiamato alle armi il 9 settembre 1912, venne assegnato dapprima al 51^ Reggimento Fanteria e, dopo pochi giorni, trasferito al 52^ - il 7 gennaio 1913 si imbarcò a Napoli per la Tripolitania - in quelle lande desertiche rimase per ben sei anni, nel corso dei quali venne coinvolto in una serie di combattimenti tipici della guerriglia - infatti, nonostante la guerra fosse ufficialmente terminata verso la fine del 1912, diversi reparti turchi, composti in prevalenza da militari irregolari, avevano deciso di non rispettare il trattato di pace di Losanna, ingaggiando continue azioni belliche supportati anche dalla locale popolazione araba - durante questo lungo periodo, Luigi venne trasferito in reparti locali dell’82^ e del 265^ Fanteria - in un foglio conservato presso il Museo della Memoria di Romano, scrisse di proprio pugno di aver partecipato a vari combattimenti nelle località di Assioni, Ettangi, Fittartuba e Sidi Razz - esonerato dal servizio nel maggio del 1919 rimase ancora in Libia fino al 28 agosto di quell’anno, dopodiché ritornò finalmente in patria - fu autorizzato a fregiarsi della medaglia interalleata della vittoria con apposita concessione del 1922

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018
Riferimento iconografico: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Biglioli Carlo Augusto
di Angelo e di Costa Santa Battistina, nato il 7 luglio 1895 a Romano di Lombardia, ivi residente
SoldatoGuerra italo-turca 1911-1912 - Campagna di Libia 1913-1930
volontario per la guerra, venne arruolato con ferma di tre anni in data 1 dicembre 1913 ed assegnato al Corpo dei Volontari Italiani in Libia - questo reparto non ebbe impieghi ben precisi, ma venne utilizzato in molte occasioni per dare man forte alle truppe regolari impegnate in vari combattimenti, soprattutto nelle oasi dell’entroterra libico - quando nel 1916 terminò il periodo di ferma, Carlo chiese ed ottenne la rafferma e, di fatto, rimase in Tripolitania fino al 26 gennaio 1919, data in cui si imbarcò a Tripoli per fine servizio - venne congedato il 10 ottobre 1919 con il riconoscimento di cinque campagne di guerra

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Biondo Antonio Andrea
di Eustacchio e di Pontoglio Rosa, nato il 10 febbraio 1901 a Romano di Lombardia, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
quando venne chiamato alle armi il 13 novembre 1920, non poté presentarsi perché detenuto nel carcere di Bergamo (non sappiamo per quale motivo) - evidentemente la motivazione non era grave poiché ottenne in breve tempo la libertà provvisoria e così si presentò al Distretto militare il 24 gennaio 1921 - arruolato nell’8^ Reggimento Artiglieria Pesante Campale, dopo aver effettuato le istruzioni partì per la Cirenaica imbarcandosi a Taranto l’1 aprile 1921 - giunto in territorio libico venne aggregato all’Autogruppo della Cirenaica, reparto che venne utilizzato per la rioccupazione dei territori interni sui quali l’Italia stava perdendo il controllo - il primo intervento, organizzato dal governatore Giuseppe Volpi, consistette nello sbarco a Misurata il 26 gennaio 1922 - seguì poi un lento e costante avanzamento che portò, gradualmente, alla sconfitta dei gruppi di ribelli che, in parte, si sottomisero all’Italia - Antonio rimase in Cirenaica fino al 17 giugno 1922, dopodiché si imbarcò a Bengasi per Siracusa - rientrato al deposito dell’8^ Artiglieria venne congedato il successivo 21 agosto ottenendo anche il condono per l’originaria condanna

Riferimento: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018
Riferimento iconografico: Calegari Anna Maria e Monella Rinaldo: Soldati, storie di combattenti romanesi tra Ottocento e Novecento - La Serigrafica srl Buccinasco 2018

Bottazzoli Emilio
di Giovanni Battista e di Foieni Teresa, nato il 9 gennaio 1893 a Morengo, ivi residente
Sergente MaggioreCampagna di Libia 1913-1930 - Prima Guerra Mondiale 1915-1918
nella guerra di Libia soldato del 52^ Reggimento Fanteria, al fronte dal 7 gennaio 1913 al 16 settembre dello stesso anno, dopodiché venne rimpatriato per malattia - nella Grande Guerra sottufficiale 91^ Reggimento Fanteria, dato per disperso nel fatto d'arme di Lago Bocche del 16 aprile 1917 ma, in realtà, catturato dagli austriaci e rimpatriato dopo la fine del conflitto - morto il 24 novembre 1918 nel reparto isolamento dell'Ospedale Militare di Padova per malattia

Riferimenti:
  ˙ Edizione elettronica curata dalla Regione Lombardia relativa a: Militari Caduti nella Guerra Nazionale 1915-1918 - Albo d'Oro - Ed. Ministero della Guerra, Vol. XI^, 1932
  ˙ Archivio di Stato di Bergamo: Distretti Militari di Bergamo e Treviglio – ruoli e fogli matricolari

Cantamessa Giovanni
nato a Trescore Balneario, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato dell'88^ Reggimento Fanteria, caduto a Marsa Lusa in Cirenaica l'1 agosto 1913

Riferimento: http//www.14-18.it

Cao Francesco
nato nel 1893 a Treviglio, ivi residente
Maresciallo MaggioreCampagna di Libia 1913-1930
sottufficiale Carabinieri Reali - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare a Sidi Gibrin, 3 febbraio 1924

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale

Caprini Emilio
nato a Bergamo, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
soldato dell'84^ Reggimento Fanteria, matr. 33920 - caduto in combattimento a Zintan (Libia) il 9 luglio 1915 - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare alla memoria

Decorazioni:
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale

Carrara Giuseppe Ferdinando
nato il 17 ottobre 1894 ad Aviatico, ivi residente
SoldatoCampagna di Libia 1913-1930
morto il 19 giugno 1915 a Tripoli ed ivi sepolto - dopo la guerra i suoi resti mortali vennero traslati a Bari nel Sacrario Militare Caduti Oltremare

Riferimento: Ministero della Difesa: Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra (Onorcaduti) - Roma

Centurelli Luigi
nato a Bergamo, ivi residente
Caporal MaggioreCampagna di Libia 1913-1930
graduato maniscalco del Comando Cavalleria della Cirenaica, matr. 30045 - decorato di Croce al Valor Militare a Trik Aziza, 30 giugno 1928

Decorazioni:
      Croce al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale

Cimmaghi Giuseppe
nato a Bergamo, ivi residente
MarescialloCampagna di Libia 1913-1930
sottufficiale divisione Croce Rossa Libia, matr. 10867 - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare a Sinaum, 5 giugno 1915, dove rimase ferito

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale


86 risultati       Pagina 1 di 4                    - successiva