Ricerca Impresa di Fiume Decorati al valor militare

Cerca in tutti i campi:
    cerca solo nel cognome     cognome esatto
11 risultati       Pagina 1 di 1                    -

Brambilla Carlo
di Alberto e di Rivoltella Maria Rosa, nato il 24 gennaio 1896 a Casirate d'Adda, ivi residente
SoldatoPrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921
chiamato alle armi il 14 dicembre 1915 nel 62° Reggimento Fanteria - passato al 208° Fanteria in zona di guerra il 31 maggio 1916 - (in seguito trasferito al 47° Fanteria) - decorato di Croce al Valor Militare, Ansa di Zenson di Piave, 15 giugno 1918 in commutazione della croce al merito (DM 26 ottobre 1919) - dichiarato disertore per essersi unito ai legionari di D'Annunzio per l'impresa di Fiume il 31 ottobre 1919 - formalmente collocato in congedo il 20 dicembre 1920 e, il 27 gennaio 1921, annullate dal Tribunale di Trieste la punizione per diserzione e le relative conseguenze di legge

Decorazioni:
      Croce al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ Archivio Rinaldo Monella - Covo
  ˙ Archivio di Stato di Bergamo: Distretti Militari di Bergamo e Treviglio – ruoli e fogli matricolari
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ Archivio Alfio Peccati – Casirate d’Adda
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Carmen Taborelli Rovati: Le lettere della lontananza; BCC Treviglio, 2009
  ˙ Il Giornale di Bergamo, quotidiano politico della sera; 1919

Cometti Vittorio
nato a Bolgare, ivi residente
SergentePrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921
graduato reggimento bersaglieri, matr. 1515 - ottenne un Encomio Solenne sul Monte Pecinka, 1-2 novembre 1916 - sottufficiale volontario nell'impresa di Fiume con Gabriele D'Annunzio

Decorazioni:
      Encomio solennemotivazione

Riferimenti:
  ˙ Archivio Rinaldo Monella - Covo
  ˙ Il Gazzettino Bergamasco; periodico, 1919
  ˙ Il Nuovo Giornale di Bergamo e Provincia - settimanale indipendente - 1917

Defendi Salvatore
di Davide e di Cassamagnano Rosa, nato il 13 settembre 1899 a Pognano, ivi residente
CapitanoPrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921 - Seconda Guerra Mondiale 1940-1945
volontario nella Grande Guerra dall'11 giugno 1917 nel 5° Reggimento Bersaglieri, matr. 104848, in zona di guerra dal dicembre successivo - sottotenente del 7° Barsaglieri dal 6 maggio 1918, poi tenente del 4° - nell'impresa di Fiume legionario con Gabriele D'Annunzio, prese parte alla cruenta battaglia tra il 24 ed il 28 dicembre 1920 e, il successivo 2 gennaio, venne rimpatriato - nella seconda guerra mondiale ufficiale del 2° Reggimento Bersaglieri - decorato di Croce al Valor Militare, Monastero di Val Bencia (fronte greco), 1 gennaio 1941 - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare a Ciaf-Mezgorani (fronte greco), 15 febbraio 1941, dove cadde in combattimento - dopo la guerra i suoi resti mortali vennero esumati e traslati in Italia

Decorazioni:
      Croce al valor militaremotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ http//www.14-18.it
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1923
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1938
  ˙ Ministero della Difesa: Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra (Onorcaduti) - Roma
  ˙ Archivio di Stato di Bergamo: Distretti Militari di Bergamo e Treviglio – ruoli e fogli matricolari
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ Associazione Nazionale Volontari di Guerra: Elenco ufficiale volontari bergamaschi che parteciparono alla campagna di guerra 1915-1918; Bergamo 1965
  ˙ L'Alta Valle Brembana - periodico - 1942
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1941
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1943
  ˙ Archivio ANCR Sezione di Madone
Riferimenti iconografici:
  ˙ L'Alta Valle Brembana - periodico - 1942
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1941

Frigeni Rodolfo Vittorio
di Giuseppe e di Ricci Francesca, nato il 20 dicembre 1893 a Mornico al Serio, residente a Torre Boldone
SergentePrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921
volontario nella legione garibaldina di Enzo e Peppino Garibaldi, combattè sul fronte delle Argonne - dopo l'entrata in guerra dell'Italia fu aggregato alla 2^ Armata pur rimanendo ancora in territorio francese - nella battaglia del Col di Lana, col fuoco della sua mitragliatrice Saint-Etienne, sottrasse alla cattura il re Alberto del Belgio che stava per essere circondato da una pattuglia austriaca - il sovrano medesimo lo decorò poi personalmente della Croce Belga creandolo anche Cavaliere dell'Ordine di San Leopoldo - in seguito catturato dagli austriaci sempre nel settore del Col di Lana, ma riuscì a fuggire tornando al reparto - rientrato in Italia col grado di sergente ed assegnato alla 2032^ Compagnia Mitragliatrici, matr. 79694 - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare, Casa Gorghetto-Scolo Palumbo-Fossalta di Piave, 18-22 giugno 1918 (la medaglia gli venne personalmente appuntata dalla duchessa Elena d'Aosta, moglie di Emanuele Filiberto) - nel 1920 fece parte del "Raggruppamento Ronchi" e con D'Annunzio partecipò all'impresa di Fiume

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Il Giornale di Bergamo, quotidiano politico della sera; 1919
  ˙ AA.VV.: Uomini in guerra - 1915-1918, 1940-1945, seconda parte; Torre Boldone, 1993
Riferimento iconografico: AA.VV.: Uomini in guerra - 1915-1918, 1940-1945, seconda parte; Torre Boldone, 1993

Ghisleni Alessandro
di Giovanni e di Bolognini Afra, nato il 18 agosto 1902 a Sotto il Monte Giovanni XXIII, residente a Torre Boldone
CaposquadraImpresa di Fiume 1920-1921 - Campagna d'Africa Orientale 1935-1938 - Guerra di Spagna 1936-1939
legionario con Gabriele D'Annunzio a Fiume, prese parte alla cruenta battaglia tra il 24 ed il 28 dicembre 1920 e, il successivo 2 gennaio, venne rimpatriato - volontario nella guerra in Etiopia nel Battaglione "Bergamo" della 114^ Divisione CC.NN. - nella guerra spagnola sottufficiale della bandera "Carroccio", decorato di due Medaglie di Bronzo al Valor Militare a Brihuega il 18 marzo 1937, dove rimase ferito, ed a La Magdalena il 16 agosto 1937, dove fu ferito ad un braccio - caduto in combattimento in Catalogna il 27 gennaio 1939 e sepolto a Saragozza nel Sacrario Militare Italiano

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1923
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1937
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1938
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1939
  ˙ Ministero della Difesa: Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra (Onorcaduti) - Roma
  ˙ Il libro degli Eroi - Legione Volontari d'Italia Giulio Cesare; La Volontà d'Italia Ed. - Roma, Anno XVIII E.F.
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1936
Riferimento iconografico: Il libro degli Eroi - Legione Volontari d'Italia Giulio Cesare; La Volontà d'Italia Ed. - Roma, Anno XVIII E.F.

Grandi Williams
di Fioravante, nato il 14 aprile 1898 a Milano, residente a Sant'Omobono Terme
CapitanoPrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921
ufficiale del 18° Reggimento Bersaglieri, Milizia Mobile - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare, Piave Nuovo, 2-6 luglio 1918 - tenente legionario con D'Annunzio nell'impresa fiumana

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ AA.VV.: Caduti e Dispersi; Sant''Omobono Terme, 2004

Locatelli Antonio
di Samuele e di Gelfi Anna, nato il 19 aprile 1895 a Bergamo, ivi residente
MaggiorePrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921 - Campagna d'Africa Orientale 1935-1938
asso dell’aviazione italiana, volò su Vienna con la squadriglia “Serenissima” di Gabriele D’Annunzio, compì ricognizioni e sostenne combattimenti aerei: a fine ottobre 1917, circondato da docici aerei nemici, riuscì a salvarsi pur con 72 fori di pallottole nell'apparecchio - abbattuto mentre passava sopra Fiume il 18 ottobre 1918, diede fuoco all'aereo - scoperto e fatto prigioniero, si travestì da soldato austriaco rientrando in Italia avventurosamente - in seguito, con D'Annunzio, prese parte all'impresa di Fiume - durante la guerra etiopica compì voli di ricognizione - verso la fine di giugno 1936 partecipò ad una spedizione militare aerea italiana, guidata dal generale Vincenzo Magliocco, ed accampata sull’aviosuperficie di Bonàia, nei pressi di Lekemti, nella regione occidentale dell’Etiopia: l’obiettivo era quello di convincere un capo oromo locale, il degiac Hapte Mariam, a sottomettersi alle forze italiane al fine di costituire un presidio italiano nella regione – la notte tra il 26 ed il 27 giugno un gruppo di giovani allievi della scuola militare di Olettà, fedeli ad Hailé Selassié, assalì ed uccise tutti i membri della spedizione – sopravvisse solamente padre Mario Borello, che in precedenza aveva preso i primi contatti con lo stesso Hapte Mariam - il suo corpo non venne più ritrovato - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, Monte Nero, 14-18 febbraio 1916 - decorato di una seconda Medaglia d'Argento al Valor Militare, Nave San Rocco (Val Lagarina), 15 giugno 1916 - decorato di una terza Medaglia d'Argento al Valor Militare, Cielo dell'Ortigara-Val Portole-Val Galmarara-Bassano, 20 giugno 1917 - decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare, Cielo della Carnia, dell'Altopiano Alto e Medio Isonzo, 1 agosto-ottobre 1917 e Cielo di Friedrichshafen (Lago di Costanza) di Croazia e di Fiume, maggio-settembre 1918, poi commutata in Medaglia d'Oro al Valor Militare - decorato di Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia, Cielo di Vienna, 9 agosto 1918 - decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare, Cielo della Somalia, gennaio-luglio 1936 - decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare, alla memoria, Lekemti, 27 giugno 1936

Decorazioni:
      Croce dell'ordine militare dei Savoiamotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2
      Medaglia d'oro al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2
      Medaglia d'oro al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2

Riferimenti:
  ˙ BGpedia - raccolta di dati su bergamaschi di tutte le epoche: in www.bgpedia.it
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ Bortolo Belotti: Storia di Bergamo e dei Bergamaschi; Bolis Ed. 1959
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1923
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1924
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1936
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1937
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1938
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1941
  ˙ Ministero della Difesa: Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra (Onorcaduti) - Roma
  ˙ http://www.quirinale.it/onorificenze/onorificenze.asp
  ˙ Le Medaglie d'Oro Bergamasche nei cento anni di storia patria - 1961
  ˙ Albo della Gloria - MOVM - Associazione Nazionale Volontari di Guerra - 1976
  ˙ Le Medaglie d'Oro al Valor Militare - vol. I^ - Roma, 1965
  ˙ Italia Eroica - Città e uomini valorosi - ANCR, 1971
  ˙ Il libro degli Eroi - Legione Volontari d'Italia Giulio Cesare; La Volontà d'Italia Ed. - Roma, Anno XVIII E.F.
  ˙ Archivio Clemente Suardi - Trezzo sull'Adda (MI)
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Albo della Gloria: Caduti e dispersi nella Campagna d'Africa Orientale - Edizione per le biblioteche delle Forze Armate, 1937
  ˙ Associazione Nazionale Volontari di Guerra: Elenco ufficiale volontari bergamaschi che parteciparono alla campagna di guerra 1915-1918; Bergamo 1965
  ˙ Pietro Raffaelli ed Alessandro Zoja: Ai Bergamaschi caduti in guerra (2 voll.); Grafital Ed. 1988-1997
  ˙ Franco Asperti: Nella luce della gloria; Bolis Ed. 1937
  ˙ Archivio di Stato di Bergamo: Donazione Francesco Carminati
  ˙ Enciclopedia delle Famiglie Lombarde: in MediaWiki
  ˙ Noi!, Organo dei Mutilati e Invalidi di guerra e dei Combattenti bergamaschi; Anno 1919
  ˙ Il Giornale di Bergamo, quotidiano politico della sera; 1919
  ˙ Il Nuovo Giornale di Bergamo e Provincia - settimanale indipendente - 1917
  ˙ Istituto Mazziniano - Museo del Risorgimento: Archivio Museo delle Guerre d''Italia; Genova 2017
  ˙ Giornale di San Pellegrino - periodico - 1918
  ˙ Giornale di San Pellegrino - periodico - 1936
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1936
  ˙ Rosetta Locatelli: Albo d'Oro degli aviatori bergamaschi caduti al 20 dicembre 1940 (non pubblicato)
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1941
  ˙ Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II di Bergamo: Segni del Tempo, lapidi e targhe nell'Istituto; 2006
  ˙ Umberto Zanetti: Mille bergamaschi nella storia; Ferruccio Arnoldi Ed., 2011
  ˙ https://www.combattentiliberazione.it
Riferimenti iconografici:
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1936
  ˙ Le Medaglie d'Oro Bergamasche nei cento anni di storia patria - 1961
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Albo della Gloria: Caduti e dispersi nella Campagna d'Africa Orientale - Edizione per le biblioteche delle Forze Armate, 1937
  ˙ Franco Asperti: Nella luce della gloria; Bolis Ed. 1937
  ˙ Archivio di Stato di Bergamo: Donazione Francesco Carminati
  ˙ Giornale di San Pellegrino - periodico - 1918
  ˙ Giornale di San Pellegrino - periodico - 1936
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1936
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1941
  ˙ https://www.combattentiliberazione.it

Morali Enrico
di Cesare e di Brolis Giuseppina, nato il 24 agosto 1895 a Bergamo, ivi residente
Tenente ColonnelloPrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921 - Campagna d'Africa Orientale 1935-1938 - Seconda Guerra Mondiale 1940-1945
nella Grande Guerra fu ufficiale di fanteria del 78° Reggimento dei “Lupi di Toscana” prese parte a numerose battaglie, dal Sabotino al Veliki Kribach, dal Faiti all’Hermada, riportando tre ferite - ottenne un Encomio Solenne, Sabotino, giugno-agosto 1916 - conseguì due Medaglie d'Argento al Valor Militare ed una Medaglia di Bronzo al Valor Militare (decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare, Sabotino, 12-16 agosto 1916 - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, San Giovanni di Duino, 23 maggio 1917 - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare sul Col del Rosso-Col D'Echele- Case Grulli, 23-25 dicembre 1917) - nominato Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia sul Col del Miglio- Prà del Gobbo- Col Caprile- Col della Berretta, 2-31 ottobre 1918- a capo del terzo battaglione del 58° Reggimento Fanteria della brigata “Abruzzi” diede brillanti prove di strategia militare nei vittoriosi combattimenti del Col del Miglio, di Prà Gobbo, del Col Caprile e del Col della Berretta; a conclusione della battaglia di Vittorio Veneto gli fu conferito l’ordine militare di Savoia - in seguito fu con Gabriele D’Annunzio nell’impresa di Fiume - partecipò poi alla campagna d’Africa come comandante del battaglione “Bergamo” nella 114^ Legione CC.NN, decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare a Uork Amba il 27 febbraio 1936 - ottenne un Encomio Solenne il 31 agosto 1936 - nella seconda guerra mondiale colonnello del 78° Fanteria per tutta la durata del conflitto

Decorazioni:
      Croce dell'ordine militare dei Savoiamotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione
      Encomio solennemotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ BGpedia - raccolta di dati su bergamaschi di tutte le epoche: in www.bgpedia.it
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1923
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1935
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1936
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1937
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1938
  ˙ Archivio Rinaldo Monella - Covo
  ˙ I Lupi - Storia della Brigata Lupi di Toscana; Fondazione Giovanni Randaccio
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Associazione Nazionale Volontari di Guerra: Elenco ufficiale volontari bergamaschi che parteciparono alla campagna di guerra 1915-1918; Bergamo 1965
  ˙ Il Nuovo Giornale di Bergamo e Provincia - settimanale indipendente - 1918
  ˙ Il Popolo - periodico - 1916
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1935
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1936
  ˙ Umberto Zanetti: Mille bergamaschi nella storia; Ferruccio Arnoldi Ed., 2011
Riferimenti iconografici:
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1936
  ˙ Archivio Rinaldo Monella - Covo
  ˙ I Lupi - Storia della Brigata Lupi di Toscana; Fondazione Giovanni Randaccio
  ˙ La Voce di Bergamo - periodico - 1936

Sarti Giuseppe
di Egisto, nato nel 1895 a Barcellona (Spagna), residente a Ponte San Pietro
SottotenentePrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921
ufficiale Gruppo Aeroplani, 87^ Squadriglia - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, Cielo del Carso, dell'Altopiano di Asiago e del Monte Hermada, ottobre 1915-ottobre 1917 - decorato di una seconda Medaglia d'Argento al Valor Militare, Cielo del Cadore, del Grappa, dell'Istria, di Wiener Neastadt, settembre 1917-agosto 1918 - ufficiale legionario con Gabriele D'Annunzio a Fiume, prese parte alla cruenta battaglia tra il 24 ed il 28 dicembre 1920 e, il successivo 2 gennaio, venne rimpatriato

Decorazioni:
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1923
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1938
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ Noi!, Organo dei Mutilati e Invalidi di guerra e dei Combattenti bergamaschi; Anno 1919
  ˙ Il Giornale di Bergamo, quotidiano politico della sera; 1920-1
  ˙ Il Nuovo Giornale di Bergamo e Provincia - settimanale indipendente - 1918

Trezzi Giovanni
di Davide, nato a Boltiere, ivi residente
SoldatoPrima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921
soldato del 29° Reggimento Fanteria, matr. 73315 - decorato di Croce al Valor Militare, Montello, 19-23 giugno 1918 in commutazione della croce al merito (DM 25 novembre 1919) - legionario con Gabriele D'Annunzio a Fiume, prese parte alla cruenta battaglia tra il 24 ed il 28 dicembre 1920 e, il successivo 2 gennaio, venne rimpatriato

Decorazioni:
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ La Rivista di Bergamo - anno 1923
  ˙ Rivista di Bergamo - anno 1938
  ˙ Archivio Rinaldo Monella - Covo
  ˙ Elenco ufficiale dei legionari fiumani, depositato presso la Fondazione del Vittoriale degli Italiani in data 24 giugno 1939
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Carmen Taborelli Rovati: Le lettere della lontananza; BCC Treviglio, 2009
  ˙ Il Giornale di Bergamo, quotidiano politico della sera; 1919

Vagliasindi Pietro Paolo
di Casimiro e di Battisti Santa Marina, nato il 21 settembre 1889 a Bergamo, ivi residente
MaggioreGuerra italo-turca 1911-1912 - Prima Guerra Mondiale 1914-1918 - Impresa di Fiume 1920-1921 - Guerra di Spagna 1936-1939
nella guerra di Libia sottotenente dell'11° Reggimento Bersaglieri - decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, Henni, 23-26 ottobre e 26 novembre 1911 - nella Grande guerra capitano Reggimento Fanteria decorato di Medaglia d'Argento al Valor Militare, Sdraussina, 22 ottobre 1915, dove rimase ferito - nel Reggimento Bersaglieri decorato di una seconda Medaglia d'Argento al Valor Militare, Monte Pecinka, 1-3 novembre 1916 - nell'8° Reparto assalto decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare in località Osteria di Fossalta di Piave, 18 giugno 1918 - seguì poi Gabriele D'Annunzio nell'impresa di Fiume in qualità di capo di Stato Maggiore di tutto il corpo di spedizione - in seguito divenne un celebre aviatore - emigrato in Francia e poi in Spagna, a fine estate del 1936 si arruola nelle milizie antifasciste catalane, distinguendosi in combattimento come ufficiale superiore - nel corso della battaglia sul fronte di Aragona a fine 1938 arrestato dal SIM rosso (Servizio di Investigazione Militare controllato in gran parte dai comunisti) per ragioni politiche in quanto si era rifiutato di comandare reparti contro i legionari italiani - nel gennaio 1939 rientrò in Francia - di nuovo in Spagna nell'aprile successivo venne arrestato ed incarcerato - dapprima condannato all'ergastolo, pena poi ridotta a 20 anni, venne scarcerato nel settembre 1943

Decorazioni:
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2
      Medaglia d'argento al valor militaremotivazione - 1 di 2
motivazione - 2 di 2
      Medaglia di bronzo al valor militaremotivazione

Riferimenti:
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: Albo d'Oro degli Azzurri della Federazione Provinciale di Bergamo; Larus Print Ed., 1997
  ˙ Istituto del Nastro Azzurro: database nazionale
  ˙ http://www.antifascistispagna.it
  ˙ Matteo Cefis: E' andato coi rossi, Volontari bergamaschi nella guerra civile spagnola; Il Filo di Arianna Ed. 2013
  ˙ Domenica del Corriere: decorati nella Prima Guerra Mondiale; numeri sparsi, 1916
  ˙ Archivio Clemente Suardi - Trezzo sull'Adda (MI)
  ˙ Decorati al Valor Militare – Bergamo – a cura dell’Istituto del Nastro Azzurro di Bergamo; Historia Editore, Milano 1939
  ˙ Il Giornale di Bergamo, quotidiano politico della sera; 1919
Riferimenti iconografici:
  ˙ Matteo Cefis: E' andato coi rossi, Volontari bergamaschi nella guerra civile spagnola; Il Filo di Arianna Ed. 2013
  ˙ Domenica del Corriere: decorati nella Prima Guerra Mondiale; numeri sparsi, 1916


11 risultati       Pagina 1 di 1                    -