13 marzo 2020

La nostra Anna è volata via

Ora è con i suoi "omasì", come chiamava affettuosamente e quasi da mamma, tutti i combattenti bergamaschi. Per questo e per onorarla nel migliore dei modi, Paolo ed io proseguiremo, anche se con un vuoto incolmabile, per far sì che il maggior numero possibile di omasì venga riportato alla luce e possa rimanere nel ricordo e nella memoria di tutti i bergamaschi.
Grazie a tutti coloro che hanno collaborato e vorranno continuare a collaborare con noi inviandoci i loro preziosi contributi.

Rinaldo e Paolo


Riceviamo dai nostri lettori e volentieri pubblichiamo: Da Solferino al COVID-19

Non sono sicuramente il primo e neppure sarò l’ultimo a trovare delle caratteristiche parallele tra quanto sta avvenendo in Italia e nel mondo in questi primi mesi del 2020 e quanto é avvenuto ed avviene tutt’ora in tempi di guerra. Distruzione, malattie, ferite e morte sembrano allearsi per generare paura, ansia, angoscia e disperazione. Però in mezzo a tutta questa sofferenza non sono mai mancati e non mancano anche oggi dei segni eloquenti che parlano di vita, di cura, di sensibilità e di amore che sanno infondere speranza, coraggio ed un profondo senso di unità e comunione. [...] continua la lettura

La storia del mese: Un aviatore dimenticato: Arrigoni Bartolomeo Giovanni da Cavernago

Ritratto di Bartolomeo Giovanni Arrigoni. “Asso dell’Aeronautica” ed “umile e dimenticato eroe dei cieli”: queste parole, riprese da un articolo apparso sull’Eco di Bergamo del 20 marzo 2009, definiscono con chiarezza la figura di questo soldato e di quanto sia sfumato, purtroppo, il suo ricordo. Bartolomeo, anche se si [...] Continua la lettura

L'archivio delle "Storie di soldati"


Nota alla presente edizione n. 2 - 14 gennaio 2020

Presentiamo la seconda edizione del database sui Combattenti Bergamaschi con un sincero “Grazie” ai tanti Bergamaschi di oggi che hanno visitato e visitano il nostro sito fornendo spesso utili informazioni che servono ad arricchire i dati che poi vengono messi a disposizione della comunità.

Un ringraziamento particolare va a coloro che si sono da subito dimostrati generosi collaboratori, mettendo a nostra disposizione i risultati delle loro ricerche:

  Mario Scaloni da Cannara (PG)
  Pierluigi Rossi da Casnigo
  Carmen Taborelli da Treviglio
  Felice Ferrari da Dorga
  Pierangelo Signorelli da Scanzorosciate
  Omer Mariani da Grumello del Monte
  Carla e Gianni Toscani da Altare (SV)
  Aurora Cantini da Aviatico
  Giuseppe Ghezzi da Covo
  Ignazio Lanfranchi da Sorisole
  Gruppo Alpini di Colere
  Gian Paolo Bertelli da Ferrara
  Giovanni Belotti da Almenno San Bartolomeo

Altra grande soddisfazione, che ci sta ripagando del notevole sacrificio di ricerca, raccolta ed elaborazione dei dati, è il numero e la qualità dei commenti lasciati nel “Libro degli ospiti”, importante linfa che ci sprona a proseguire sempre più e sempre meglio.

Questa edizione, che comprende un totale di 37.310 nominativi, vede il completamento dell’inserimento dati di tutti i caduti della Prima Guerra Mondiale, con l’aggiunta dei contributi dei succitati collaboratori, nonchè di svariate altre ricerche sui combattenti “repubblicani” nella Guerra di Spagna del 1936-1939, nella Campagna di Russia del 1941-1943 ed in altri conflitti.

Infine, come promesso, inizia con questa edizione la graduale pubblicazione delle “motivazioni” delle ricompense al valor militare, che possono essere visionate cliccando sugli appositi simboli che compaiono a fianco dei dati di ciascun decorato (a tutt’oggi ne sono state inserite 1.314).

 

Note alla edizione n°1 - 11 settembre 2019

In questa prima edizione, contenente 33.993 nominativi, presentiamo i risultati delle nostre ricerche che spaziano per tutta l’Era Cristiana, dalle guerre del I Secolo alla Guerra d’Indocina del 1946-1954: in particolare sono stati ampiamente sondati i primi diciotto secoli, le campagne risorgimentali, la prima guerra mondiale e la guerra di Liberazione del 1943-1945; per la I GM stiamo analizzando i caduti utilizzando l’edizione elettronica dell’Albo d’Oro realizzata dalla Regione Lombardia. Questa contiene parecchi errori di trascrizione poiché è stata realizzata con un programma di lettura ottica che non sempre è riuscito nello scopo. Per contro anche l’Albo d’Oro contiene svariati errori che comunque cercheremo di sistemare gradualmente (al momento sono stati inseriti i caduti di tutto il Distretto di Treviglio, mentre per quello di Bergamo mancano le lettere G,H,I,J,K,M,N,O,P,Q,R).

Terminata la compilazione dei dati sui caduti della I GM verranno avviate le ricerche relative alle rispettive sepolture, ai campi di prigionia, ai soldati morti per affondamento navi, cadute di valanghe, esplosioni, bombardamenti, malattia, infortuni per fatti di guerra e così via.

Sono comunque avviate le ricerche sui caduti della seconda guerra mondiale e sui conflitti precedenti (esclusa la I GM già in corso) per i quali non esistono Albi complessivi e completi ma solo informazioni sparse in una miriade di siti e pubblicazioni.

Per quanto concerne i decorati al valor militare stiamo effettuando una verifica a tappeto sui Bollettini di Guerra per eliminare, almeno in buona parte, le numerose carenze rilevate nel database dell’Istituto del Nastro Azzurro (anch’esso effettuato con un programma di lettura ottica) e, in una delle prossime edizioni, contiamo di rendere gradualmente disponibili le motivazioni delle decorazioni.

Naturalmente si cerca di provveder alle operazioni di accorpamento dati laddove c’è un notevole grado di certezza che le informazioni apparentemente associate a combattenti differenti siano in realtà riferite alla medesima persona.

La grande quantità numerica dei combattenti è rappresentata dai “reduci” che cercheremo di recuperare il più possibile, sperando anche nell’aiuto e nella collaborazione dei bergamaschi che visiteranno questo sito.